Login

Iscriviti a Jourdeló

Brigida

di Elena Musiani

22_brigida01La Casa Tanari in via Galliera, frequentata da Pietro Giordani, da Paolo Costa, da Giovanni Marchetti, da Carlo Pepoli e da altri illustri letterati ed artisti italiani e stranieri fu uno dei più importanti centri della vita culturale cittadina, esempio di quella ospitalità, di quella cordialità tipicamente bolognese che fece molta impressione anche al Leopardi, tanto da indurlo a definire Bologna quietissima, allegrissima, ospitalissima.
Brigida Fava Ghisilieri nacque nel 1802 dal marchese Nicolò Fava Ghisilieri e dalla marchesa Gaetana Marescotti Berselli; avendo perduto la madre in tenera età venne educata dal padre ed apprese anche l’uso della lingua latina, cosa inconsueta per una fanciulla dell’epoca. All’età di sedici anni sposò il marchese Giuseppe Tanari e si trasferì con lui in quella casa in via Galliera, che sarebbe presto divenuto il centro politico della Bologna liberale. Brigida volle imparare le lingue straniere, così utili per quelle donne che desideravano intraprendere conversazioni dotte nelle loro case.
Era il suo conversare stupendo di brio, di grazia, di cultura, direi quasi affascinante per la bella voce, ed il gesto che l’accompagnava. Il desiderio di conoscere e di imparare spaziava in tutti i campi: coltivò l’arte in ogni maniera e veramente fu valente pittrice, dipingendo ad olio, miniando sull’avorio, acquarellando, e disegnando sopra pietre litografiche, e modellando figurette in creta.
Pagina:
Precedente 1 | 2 | 3 Successiva

Maggio 2013 (Numero 22)

  • Editoriale
    di Gabriella Lupi
  • Ugo Bassi tra storia e memoria 
    di Alessia Branchi
  • Lo Squadrone Bianco
    di Andrea Olmo
  • Cronologia Bassiana
    a cura di Otello Sangiorgi
  • L'erede
    di Giuseppe Bergivaldi ed Emilio Salgari
  • La ricetta segreta della Coca-Cola
    di Samuele Graziani
  • La Romagnola nel moto del 1831
    di Mauro Bovoli
  • Brigida 
    di Elena Musiani
  • Il Museo del Risorgimento
    di Davide Nannoni
  • Le rose dell'imperatrice
    di Marinette Pendola
Comune di BolognaCon il patrocinio del Comune di Bologna
© 2005 - 2019 Jourdelo.it - Rivista storico culturale di 8cento
Registrazione Tribunale di Bologna n. 7549 del 13/05/2005 - Direttore Resp. Daniela Bottoni