L’immigrazione italiana e l’italianità nel Brasile dell’Ottocento

a cura di Joao Luiz Pedróss

Imperatrice Teresa Cristina, ca 1876 (Miniatura 219x288 px)

tratto da: “Brazil Imperial”

Il numero sempre crescente di immigrati italiani in Brasile, che raggiunse una dimensione notevole alla fine del XIX secolo, in particolare a São Paulo e nel Rio Grande do Sul, ha avuto la sua fase embrionale nella città di Rio de Janeiro, allora capitale dell'Impero.

Indubbiamente, il matrimonio dell'Imperatore Pedro II con Teresa Cristina di Borbone, principessa del Regno delle Due Sicilie, fu l'evento fondamentale in questo processo di ambientamento culturale.
Il matrimonio per procura fu celebrato a Napoli il 30 maggio 1843, e fu reso effettivo dall'arrivo della fregata Costituzione a Rio de Janeiro, poco più di tre mesi dopo la cerimonia formale in Italia, portando la nuova Imperatrice e il suo interesse per la letteratura e la musica italiana, così come la sua passione per l'archeologia.

Raccolta poetica (Miniatura 219x367 px)

La Madre dei Brasiliani, com'è conosciuta Donna Teresa Cristina, agevolò e rese possibile a partire dal 1845 l'arrivo di immigrati italiani, principalmente medici, ingegneri, insegnanti, farmacisti, infermieri, artisti, artigiani, comunque ogni sorta di lavoratori qualificati, di cui molti si stabilirono presso la corte imperiale.

È importante considerare che la patria di Teresa Cristina, Napoli, terra dell'antico Regno delle Due Sicilie, era un luogo impregnato di cultura classica, specialmente nei campi del pensiero, della ricerca e dell'espressione artistica, oltre ad essere una delle città europee più avanzate del XVIII secolo.
L'Iride italiana (Miniatura 219x176 px)


Nella seconda metà del XIX secolo, Rio de Janeiro divenne una vera e propria colonia di cantanti e musicisti italiani, attratti dalla presenza della Figlia del Re delle Due Sicilie.
La cantante lirica Augusta Candiani, alla sua prima figlia nata in Brasile, diede il nome Teresa Cristina Maria Candiani Figlio in onore della sua mecenate e protettrice, l'Imperatrice del Brasile.

Non dimentichiamo gli operai e gli agricoltori, gli uomini con una discreta istruzione scolastica che, andandosi ad aggiungere alle famiglie più ricche, nel 1847 componevano 329 famiglie costituendo la prima colonia italiana all'interno della capitale dell'Impero, chiamata Colônia Vallones dos Reados.



Immagini nella pagina:
Teresa Cristina di Borbone, Imperatrice del Brasile, ca. 1876
Raccolta poetica del Parnaso Italiano offerta all’Imperatore Pedro II e all’Imperatrice Teresa Cristina
L’Iride Italiana, primo giornale bilingue fondato in Brasile nel 1854 dal poeta e professore Alessandro Galleano Ravara

Pagina:
Precedente 1 | 2 Successiva
© 2005 - 2024 Jourdelo.it - Rivista storico culturale di 8cento Registrazione Tribunale di Bologna n. 7549 del 13/05/2005 - Direttore Resp. Daniela Bottoni
🕑