Login

Iscriviti a Jourdeló

LibriFatterelli bolognesi. Storie della Storia di Bologna

Autori vari

a cura di Daniela Bottoni

Guglielmo è strano. Si incanta a guardare le cose e rimane ore senza parlare. Con Daisy e le altre Prescott va spesso a pescare negli stagni vicini e ogni tanto butta un sasso nell’acqua, poi fissa le onde. “Guarda Daisy, quelle ondine, le vedi? Finiscono là contro quei sassi… Non possono continuare perché c’è un ostacolo. Sennò chissà dove andrebbero.” Daisy lo guarda come fosse un matto.

Collana curata da Tiziana Roversi e pubblicata da Minerva Edizioni, Bologna
Pubblicazione dei primi quattro volumi: settembre 2019

I primi quattro volumetti di questa felice collana, appena pubblicati da Minerva, mi hanno spinta ad uscire dai canoni delle nostre recensioni. Infatti è la prima volta che pubblichiamo una recensione di libri per bambini/ragazzi e addirittura di una collana. Le ragioni sono due: da un lato si avvicina il Natale e regalare un libro ai nostri bambini o ragazzi è sempre un’idea vincente. Dall’altra, Jourdelò ama promuovere la cultura e la storia e questa collana racconta ai lettori più giovani la storia, oltretutto la storia che ci sta più a cuore, quella della nostra città.
Lo fa in modo avvincente, talvolta ironico e spiritoso, usando la favola e il romanzo come strumenti di conoscenza, pur senza venire meno al rigore storico.
Ogni volumetto è piacevolmente illustrato in bianco e nero da noti artisti bolognesi e non solo.
La lettura è consigliata a partire dagli 8-9 anni.

In Il portico più lungo del mondo, scritto da Federica Iacobelli, una simpatica e curiosa lumachina secolare parte da Porta Saragozza nel 1674 per raggiungere il Monte della Guardia ai nostri giorni, accompagnando il lettore lungo il dipanarsi del portico e di momenti salienti della storia della nostra città. Illustrazioni di Teresa Soralevich.

In Felsina e la leggenda di Aposa, la storica Angela Nanetti ci cala nell’affascinante mondo dell’etrusca Felsina con la leggenda del torrente Aposa. Illustrazioni di Arianna Farricella.

In Il segreto di Marconi è Giorgio Comaschi a coinvolgerci con la sua simpatia ed ironia nella storia dell’uomo che ha cambiato il mondo, partendo dalla sua infanzia, perché Guglielmo Marconi fu singolare fin da bambino. Illustrazioni di Lucrezia Buganè (Lucrèce).

In La tribolata storia di un quadro lo storico d’arte Eugenio Riccomini narra con passione le peripezie del quadro Il cassetto del pittore bolognese Wolfango, che lo coinvolsero in prima persona. Illustrazioni di Davide Peretti Poggi.

La collana Fatterelli Bolognesi continua. È in programma l’uscita di almeno altri 4 volumetti per far conoscere ai bambini e ai ragazzi (e perché no anche ai grandi) curiosità e aneddoti storici di Bologna.
© 2005 - 2020 Jourdelo.it - Rivista storico culturale di 8cento
Registrazione Tribunale di Bologna n. 7549 del 13/05/2005 - Direttore Resp. Daniela Bottoni