Scienze e TecnologiaL’ambulanza nella storia

e la Ford Modello T dell’American Field Service

di Samuele Graziani

Un ferito trasportato nel 1916 (Miniatura 219x143 px)Nella nostra moderna e fortunata concezione, un’ambulanza è un mezzo di soccorso che in pochi minuti dalla chiamata interviene per portare al ferito le prime cure, nel caso queste non siano sufficienti lo trasporta successivamente al più vicino ospedale. Competenti operatori telefonici guidano chi è al telefono nelle operazioni che eventualmente fossero necessarie prima dell’arrivo dell’ambulanza. I volontari e gli infermieri intervengono con professionalità così come faranno poi i medici all’ospedale. In pratica, passateci il termine, l’ambulanza vi salva la vita portandovi l’ospedale a domicilio.

Ma non è sempre stato così. Questa è una concezione dell’ambulanza decisamente recente, nata nella seconda metà degli anni ‘60 in America e messa in pratica dai primi anni ‘70. Fino a quel momento l’ambulanza era stata pensata solamente come trasporto feriti verso l’ospedale. Il suo scopo quindi non era salvarvi sul posto, ma portarvi più in fretta possibile all’ospedale più vicino.

Come è facile immaginare, la necessità di portare subito qualcuno in ospedale nasce principalmente con la guerra: al fronte tanti feriti necessitano cure, che non possono essere date sul posto ma possono essere date nelle retrovie, quindi è urgente trasportare i feriti. Tanti feriti.

Dei primordiali servizi di trasporto feriti si ha notizie nel IX secolo, nell’esercito dell’Impero Romano d’Oriente. Si hanno notizie successive nel 1124, con l’esercito francese oppostosi all’invasione di Enrico V. Si hanno documentazioni delle prime lettighe trasportate a mano nel XIII secolo.
Fatta questa veloce preistoria dell’ambulanza, possiamo andare alla sua storia, che come sempre è nel nostro amato Ottocento.

Prima però una precisazione: con il termine ambulanza, che deriva dal latino ambulare, camminare, fino a tutto l’Ottocento veniva indicato sia il mezzo (tipicamente un carro) per il trasporto dei feriti, che l’ospedale da campo allestito durante la battaglia.


Immagine nella pagina:
Un ferito trasportato nel 1916

Pagina:
Precedente 1 | 2 | 3 | 4 Successiva

Maggio 2015 (Numero 25)

Ingabbiatura in legno riempita di sabbia per proteggere il Nettuno da possibili attacchi aerei durante la Prima Guerra Mondiale
© 2005 - 2022 Jourdelo.it - Rivista storico culturale di 8cento Registrazione Tribunale di Bologna n. 7549 del 13/05/2005 - Direttore Resp. Daniela Bottoni
🕑