Login

Iscriviti a Jourdeló

Il salotto di Nonna SperanzaLe Tre Messe basse

di Marinette Pendola

La ricetta - Il tronchetto di Natale

Un’antica tradizione risalente al XII secolo e presente in molti paesi europei vuole che, alla vigilia di Natale, venga bruciato nel camino di casa il più grosso ceppo dell’anno. Lo si accendeva seguendo rituali che variavano da una zona all’altra dell’Europa, sempre comunque con preghiere propiziatorie. Lo si lasciava bruciare lentamente tre, sei oppure dodici giorni e le ceneri venivano raccolte per le loro funzioni protettrici. L’abbandono di questa tradizione coincide con la modernizzazione del sistema di riscaldamento nelle case. Scomparso il camino dalle abitazioni, i tronchi hanno assunto forma simbolica e dal 1870 compaiono sulle nostre tavole proprio a Natale. La ricetta che segue è una delle tante varianti che si trovano in tutta Europa.

Ingredienti

Pan di Spagna: 180 g di zucchero - 120 g di farina - 4 uova - 1 bustina di lievito per dolci

Crema: 1 bustina di preparato per budino alla vaniglia - ½ l di latte - 200 g di burro - 50 g di zucchero al velo - 150 g di cioccolato semidolce o fondente - 2 cucchiai di rum o brandy

Esecuzione

  1. Lavorare lo zucchero e le uova con lo sbattitore elettrico. Aggiungere la farina e il lievito ed amalgamare bene fino a formare un impasto cremoso e un po’ liquido. Stenderlo sulla leccarda precedentemente ricoperta di carta forno e passare in forno a 180° per 15 minuti circa. Stendere sul tavolo uno strofinaccio inumidito e rovesciarvi il rettangolo di pan di Spagna, ricoprire con un altro strofinaccio umido.
  2. Preparare il budino alla vaniglia come indicato sulla confezione. Montare a crema il burro con lo zucchero al velo a cui si aggiungerà a cucchiaiate il budino alla vaniglia. Far sciogliere il cioccolato a bagnomaria, lasciarlo raffreddare e incorporarlo alla crema di burro, alternandolo con il liquore.
  3. Spalmare il pan di Spagna con un terzo di crema e arrotolarlo delicatamente. Tagliare le due estremità a fetta di salame. Ricoprire il dolce con la restante crema. Formare sulla superficie della glassa dei solchi con una forchetta per simulare la rugosità del tronco.
Fine.
Precedente 1 | 2 | 3 Successiva

Ottobre-Dicembre 2009 (Numero 14)

Comune di BolognaCon il patrocinio del Comune di Bologna
Carlo Brighi, Spartito di Manfrina del 1893
© 2005 - 2022 Jourdelo.it - Rivista storico culturale di 8cento
Registrazione Tribunale di Bologna n. 7549 del 13/05/2005 - Direttore Resp. Daniela Bottoni
🕑