L’incantevole spettacolo

... che toccò l’animo dei Bolognesi

di Alessia Branchi

Socio 2 (Miniatura 219x704 px)Rievocare il passato significa mettere in scena momenti e situazioni del passato storico per non dimenticare. La rievocazione è infatti un bene da tutelare e valorizzare, e sono fermamente convinta che vada pensata come esperienza da vivere e condividere in una logica collettiva di comunità e di appartenenza territoriale.

Socio 1 (Miniatura 219x313 px)Nell’ottica di salvaguardare questo prezioso patrimonio materiale ed immateriale, la rievocazione rappresenta quindi episodi e personaggi, attiva saperi e conoscenze, usa strumenti, costumi ed oggetti, dando vita alla straordinaria pratica spettacolare capace di garantire il senso di identità e continuità. Con questa visione aperta alle rappresentazioni di ambienti, riproposizioni di antichi mestieri, alle sfilate, cortei, situazioni di living history, battaglie e palii, anche l’esperienza di ricostruzione delle danze trova la sua giusta collocazione. Il titolo l’incantevole spettacolo ...che toccò l’animo dei Bolognesi è una citazione tratta dalla Cronaca di Bologna di Enrico Bottrigari, che racconta lo stato d’animo di uno dei momenti più significativi della visita del Re Vittorio Emanuele II a Bologna nel maggio 1860: la festa da ballo organizzata in suo onore al Teatro Comunale …sarebbe temerarietà il tentare di descrivere l’incantevole spettacolo.




Immagini nella pagina:
Rievocatori di 8cento APS

Pagina:
Precedente 1 | 2 | 3 | 4 | 5 Successiva

Maggio 2023 (n° 33)

C. Bossoli, Ingresso del Re a Bologna (1 maggio 1860), 1860. Proprietà: Città di Torino-Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea, conservato presso: Museo Nazionale del Risorgimento Italiano di Torino.
© 2005 - 2024 Jourdelo.it - Rivista storico culturale di 8cento Registrazione Tribunale di Bologna n. 7549 del 13/05/2005 - Direttore Resp. Daniela Bottoni
🕑